sexting foto sexy
Sexting: il sesso virtuale é veramente rischioso?
25 aprile 2018
Tempo di lettura: 9 minuti

All’interno di questo articolo approfondiremo il concetto di desiderio e disturbi del desiderio sessuale che ne derivano quando questo viene meno, come nel  disturbo da desiderio sessuale ipoattivo, quando si prova repulsione, come nel disturbo da avversione sessuale e quando questo è abusato, come nel disturbo da desiderio sessuale iperattivo (o dipendenza da sesso).

Il desiderio sessuale e la sua evoluzione nel tempo

Il desiderio sessuale è una pulsione, caratterizzata dalla presenza di pensieri e fantasie sessuali e dalla voglia di intraprendere l’attività sessuale, con la funzione biologica di far sopravvivere la specie umana. Questa pulsione può essere inibita o al contrario attivata da “forze” interne (es. testosterone, malesseri, credenze, emozioni, etc.) o esterne all’individuo (es. profumo, vista, tatto, uno stimolo sessuale), generando una mancanza di desiderio sessuale o al contrario un aumento del desiderio sessuale.

Il desiderio sessuale per la cultura cristiana era considerato una malattia: “Ero prigioniero di questa malattia della carne… che solo tu (Dio) puoi curare”. (S. Agostino IV sec. d.C.). Oggi l’inibizione sessuale o la mancanza del desiderio è la disfunzione sessuale più diffusa.

Inoltre, se fino agli anni ’70 erano più le donne a presentare questo tipo di disturbi, a partire dagli anni ’80 la tendenza si è invertita ed ad oggi è più l’uomo a presentare uno scarso desiderio sessuale (Winczey & Carey, 1991). Purtroppo però questo cozza con il ruolo maschile che ha l’ “obbligo” a desiderare per dimostrare di essere un vero uomo.

In passato, inoltre, il desiderio sessuale femminile non apparteneva alle “donne per bene”, ma solo alle donne che desideravano essere madri. Il sesso veniva fatto non per piacere, ma per dovere. Oggi vi è una legittimizzazione del desiderio sessuale femminile per l’emancipazione, per la pillola, per la coppia, per la sessualità. Oggi si pensa che l’innamoramento debba esistere per sempre, che debba essere simbiotico, che sia connesso alla realizzazione personale. Se la simbiosi viene meno, si crea una disillusione che può portare a “raggelare” la pulsione, con conseguenti disturbi del desiderio sessuale.

In generale possiamo affermare che si sta creando una sorta di “inversione del genere“. Prima era la donna ad essere depressa perché che aveva un desiderio sessuale assente, oggi è più l’uomo che spesso presenta un’assenza di desiderio sessuale. Oggi si parla di un “dovere al piacere” e non di “dovere al sesso” e se manca la voglia di fare sesso c’è un problema. L’inversione della richiesta, inoltre, crea un effetto paradossale, dove l’atto sessuale diventa il luogo della “messa alla prova”, generando disturbi del desiderio sessuale.

E’ così che, in una società fondata sul piacere, aumentano i problemi del desiderio. Questo apparentemente può essere considerato come un controsenso. In realtà assume un senso nel momento in cui si pensa alla mancanza come una sorta di assuefazione alle normali attività sessuali che porta in alcuni casi all’assenza di rapporti o al contrario alla ricerca di novità o rapporti oltre un certo limite. Manca il concetto di trasgressione di una volta e quindi il rapporto sessuale diventa un qualcosa di scontato, usuale e poco attraente.

Cause dei disturbi del desiderio sessuale

Le cause dei disturbi del desiderio sessuale sono principalmente due: la rigida educazione e gli eventi e traumi che capitano nel corso della vita.

Educazione rigida

Spesso alla base della formazione dei disturbi del desiderio sessuale vi sono dei fattori educativi come:

  • l’associazione tra desiderio e pericolo;
  • la visione della sessualità come colpa;
  • il non autorizzarsi e quindi non legittimarsi al piacere.

Queste visioni possono influenzare l’approccio con l’autoerotismo, oltre che i pensieri e le fantasie erotiche nella pre-adolescenza, inibendo e/o rendendo difficoltoso l’accesso alla sessualità.

Eventi particolari e momenti della vita

I disturbi del desiderio sessuale possono dipendere inoltre da:

  • abusi;
  • molestie;
  • lutti;
  • traumi;
  • depressione;
  • stress;
  • momenti di vita (gravidanza, menopausa, post partum).
Lettura di approfondimento:  "Sesso veloce" e fallimento della performance

Disturbo da desiderio sessuale ipoattivo

disturbo da desiderio sessuale ipoattivoTra i disturbi del desiderio sessuale maschile e femminile rientra il disturbo da desiderio sessuale ipoattivo che si manifesta con una inibizione del desiderio sessuale maschile e femminile (turn off), attraverso immagini, associazioni, emozioni e pensieri negativi, focalizzati su di sé o sul partner, che si attivano pensando a situazioni passate negative o in seguito a stati di rabbia, generando una perdita della libido e riducendo la voglia di fare l’amore.

E’ bene valutare se alla base del calo del desiderio maschile o femminile vi è una inibizione specifica, ovvero si manifesta solo nei confronti del partner; situazionale, ovvero se l’inibizione dipende da una situazione o generale, se le sensazioni erotiche generano ansia e preoccupazione.

Cause del disturbo da desiderio ipoattivo

Tra le cause del desiderio sessuale ipoattivo femminile e maschile spesso si riscontrano:

  • una forte adesione ai valori religiosi e sessuofobia: credenze e pregiudizi che non permettendo lo sviluppo della consapevolezza verso il proprio corpo, la sessualità e il rapporto sessuale con l’altro;
  • una perdita del potere economico: licenziamenti o cali di lavoro possono portare a pensieri intrusivi con conseguente diminuzione del desiderio sessuale maschile, ma anche femminile;
  • la perdita del potere riproduttivo e/o l’invecchiamento: possono agire sull’autostima e di conseguenza sulla percezione di essere desiderabili producendo un calo della libido femminile e maschile;
  • la paura di contrarre malattie e/o di una ricaduta: in particolare con malattie quali infarto e tumore che producono una perdita di libido;
  • la perdita dell’autostima: agisce sul senso di inadeguatezza nei confronti del partner e sull’essere in grado di avere rapporti, portando ad un calo o a una mancanza di libido;
  • i sensi di colpa: possono manifestarsi verso il partner ufficiale o verso un ex-partner ormai defunto (sindrome del vedovo/a), generando problemi di desiderio e/o di erezione;
  • le relazioni simbiotiche dove le delusioni o lo stare troppo l’uno insieme all’altra, porta una saturazione fino ad una mancanza di attrazione fisica verso partner;
  • la paura della gravidanza: la preoccupazione di avere figli in un momento in cui non ci si sente pronti può produrre mancanza di desiderio femminile o anche nell’uomo disturbi del desiderio;
  • i problemi di erezione: la perdita della fiducia nella propria virilità a lungo andare può creare un’avversione verso il momento del rapporto che spasso muta in calo o assenza de desiderio;
  • i modi troppo diversi di fare sesso: ad i casi in cui uno dei partner vorrebbe che tutto fosse organizzato, mentre l’altro preferirebbe l’improvvisazione, possono portare ad una differenza di vedute con un conseguente calo del desiderio;
  • traumi e forti stress: malattie gravi di parenti, dolore per la perdita di una persona cara, difficoltà sul lavoro, apprensione per i figli e i propri cari, ecc. possono ridurre la voglia di sesso;
  • una personalità ossessivo-compulsiva: disinteresse per gli aspetti ludici della vita, difficoltà nei rapporti intimi o nel contatto con i liquidi corporei possono generare un disturbo sessuale ipoattivo.

Trattamento del disturbo da desiderio ipoattivo

La terapia del disturbo da desiderio ipoattivo si focalizza principalmente sul cercare di creare o ricreare, insieme alla coppia il “senso della trasgressione“, non necessariamente superando i limiti, quanto più provando a co-costruire degli scenari che generano questa fantasia e/o che riaccendano il desiderio.
In altri casi è utile lavorare sulle fantasie e sulla legittimizzazione del desiderio.

Oltre a questo può essere utile intervenire attraverso:

  • interventi psico-educativi e insegnamento di abilità sessuali: un lavoro sulla consapevolezza del proprio corpo e sulla conoscenza dell’anatomia sessuale, delle fasi del ciclo di risposta sessuale e dei fattori fisiologici e psicologici coinvolti nel rapporto sessuale;
  • Terapia sessuale: tecniche sessuali, focalizzazione sensoriale, etc.;
  • Psicoterapia breve strategica individuale: per affrontare traumi, superare insicurezze sulla propria sessualità, individuare i pensieri inibitori del piacere, ecc.;
  • Psicoterapia di coppia: per lavorare insieme sulle dinamiche disfunzionali che generano conflitti, sulla riacquisizione delle abilità comunicative nella relazione, sulla comunicazione dei propri bisogni sessuali, ecc.
Lettura di approfondimento:  Le cause delle disfunzioni sessuali

Disturbo da avversione sessuale

disturbo da avversione sessualeAnche il Disturbo da avversione sessuale rientra tra i disturbi del desiderio sessuale ed è caratterizzato, oltre che da una mancanza di desiderio, anche da paura (fobia del sesso), estrema avversione, repulsione, disgusto o emozioni negative nei confronti dei genitali o dell’attività sessuale.

Il disturbo da avversione in genere può essere conseguente ad abuso sessuale, abuso fisico o trauma.

L’avversione può assumere forme diverse:

  • Specifico: evitamento di specifici aspetti dei rapporti sessuali, come la vista dei genitali (propri o del partner) o l’odore delle secrezioni corporee, ma può includere baci, abbracci e accarezzamenti, nonché il rapporto sessuale stesso.
  • Generale: quando si prova forte ansia e panico conseguentemente a pensieri, sentimenti o situazioni di natura sessuale ed erotica;

Il disturbo da avversione sessuale può inoltre essere suddiviso in:

  • Permanente: sempre presente fin dallo sviluppo della sessualità;
  • Acquisito: presentarsi in seguito ad un’esperienza traumatica;
  • Situazionale: con un partner specifico o in situazioni particolari;
  • Generalizzato: con qualsiasi partner.

Cause del disturbo da avversione sessuale

Il disturbo da avversione sessuale può essere causato da fattori psicologici o da una combinazione di fattori fisici e psicologici. Chi ha paura del sesso fa di tutto per evitare i contatti sessuali. Ad esempio va a letto in momenti diversi dal partner, passa più tempo al lavoro o cerca di fare in modo da essere meno attraente sessualmente.

Vi sono poi una serie di problemi interpersonali, oltre alle esperienze traumatiche, che possono generare l’avversione e il conseguente blocco sessuale.

Tra i problemi interpersonali può ad esempio esserci una tensione o un malcontento nei confronti della relazione di coppia, specialmente se prima le cose andavano bene e se ad un certo punto si è iniziata a manifestare l’avversione sessuale. Tra questi le cause maggiori sono:

  • la scoperta di una infedeltà coniugale;
  • disaccordi sullo stile educativo dei figli, sulla gestione dei soldi o sui ruoli;
  • violenza domestica;
  • mancanza di igiene personale da parte del partner.

Per quanto riguarda invece le esperienze traumatiche che causano disturbi dell’avversione sessuale, alcune possibili includono:

  • atteggiamenti negativi genitoriali verso il sesso;
  • stupri, abusi sessuali infantili, incesto, violenze;
  • sessuofobia;
  • confusione sulla propria identità sessuale;
  • paura della gravidanza;
  • depressione.

Chi soffre del disturbo di avversione sessuale tende ad associare il rapporto ad un’esperienza dolorosa che cerca in tutti i modi di dimenticare, nel caso di abusi, o a sensi di colpa, se causato da insegnamenti religiosi o culturali.

I sintomi del disturbo dell’avversione sessuale possono essere lievi o gravi. Sintomi lievi includono mancanza di interesse e lieve disgusto, mentre i sintomi gravi possono includere attacchi di panico, vertigini, fame d’aria, battito cardiaco accelerato.

Trattamento del disturbo da avversione sessuale

Se il disturbo dell’avversione sessuale non viene diagnosticato, discusso o trattato, il risultato può essere infedeltà, divorzio o infelicità cronica nella relazione o nel matrimonio.

Nel disturbo da avversione, sia maschile che femminile, il trattamento abituale prevede prima di tutto un lavoro sulla rielaborazione degli eventi traumatici che potrebbero causare il problema. Quindi è possibile intervenire sui sintomi associati al disturbo da avversione sessuale, come ad esempio gli attacchi di panico. Infine si può intervenire con una terapia sessuale per reintrodurre il contatto fisico sessuale.

 

Disturbo da desiderio sessuale iperattivo

Il disturbo da desiderio sessuale iperattivo (o da dipendenza sessuale) è l’ultimo della categoria dei disturbi del desiderio sessuale ed è caratterizzato da una eccessiva preoccupazione nei confronti del rapporto sessuale, con persistenti pensieri sessuali intrusivi e distraenti che la spingono a intraprendere attività sessuali ripetitive e compulsive.

La persona impegna gran parte del proprio tempo nell’utilizzo di fantasie sessuali e/o nella masturbazione compulsiva per cercare di placare ansia, depressione, noia, irritabilità, spesso contro la propria volontà.

Lettura di approfondimento:  "Sesso veloce" e fallimento della performance

dipendenza sessuale

Per il dipendente dal sesso, l’attività sessuale fornisce quell’euforia che gli permette di “distrarsi” dalle emozioni negative. Purtroppo però è una fuga temporanea e nel momento in cui l’effetto svanisce, ritorna il desiderio, ricominciando il circolo vizioso. A lungo termine ciò genera un impatto negativo nel rapporto con sé (vergogna, sensi di colpa e disgusto per sé), con gli altri e con il mondo.

Come le altre forme dipendenze, anche la dipendenza sessuale è progressiva e può generare assuefazione portando la persona ad “alzare il tiro” della trasgressione sempre più, fino ad attività sessuali che possono risultare molto rischiose o palesemente pericolose.

Come conseguenza del disturbo da desiderio iperattivo, alcuni finiscono per avere più relazioni extraconiugali, mentre altri si rivolgono a prostitute o escort.

La dipendenza sessuale può infine essere associata a parafilie (perversioni sessuali) quali esibizionismo, voyeurismo, sadismo, masochismo e pedofilia.

Cause del disturbo da desiderio sessuale iperattivo

Tra le cause dei disturbi del desiderio sessuale connessi alla dipendenza vi sono:

  • la noia nella relazione con il partner sessuale;
  • traumi sessuali come incesto, abuso sessuale o stupro;
  • un atteggiamento repressivo nei confronti del sesso causato da una rigida formazione religiosa;
  • depressione e uso di farmaci;
  • una compromissione della funzione sessuale, in particolare da una disfunzione erettile da parte del maschio, o da un vaginismo da parte della femmina;
  • rapporti dolorosi (dispareunia) nelle donne.

Trattamento del disturbo da desiderio sessuale iperattivo

Il trattamento del disturbo da desiderio sessuale iperattivo può includere sia la psicoterapia che l’utilizzo di farmaci. Alcune coppie, inoltre, avranno bisogno di una terapia per ottenere un miglioramento dell’attività sessuale.

L’obiettivo delle terapie per chi soffre di dipendenza sessuale in genere riguarda l’utilizzo di tecniche e strumenti per ridurre la compulsione, regolare gli impulsi, spostare la concentrazione dei propri pensieri e comportamenti.

Approfondimenti

Disturbi del desiderio sessuale
5 (100%) 3 votes

Dott. Davide Algeri

Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo e Coach at Psicologia Pratica: La psicologia del cambiamento concreto
Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo
Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Richiedi un primo appuntamento

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


Dott. Davide Algeri
Dott. Davide Algeri
Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Prenota ora