Dolore sessuale
Dolore sessuale nella disapreunia: quando fare l’amore fa male
24 Aprile 2019
Tempo di lettura: 13 minuti

Come si è evoluto il concetto di orgasmo

Fino agli anni 70 l’argomento sesso e orgasmo, erano quasi un tabù, soprattutto per le donne. Grazie al femminismo e ad alcuni passi in avanti fatti, come l’introduzione dei primi anticoncezionali, possiamo dire che anche le donne finalmente sono riuscite ad accedere alla dimensione del piacere sessuale.

L’orgasmo, oltre ad essere un diritto prettamente maschile, oggi è diventato anche un diritto delle donne. Oggi, infatti, quasi tutte vogliono raggiungerlo, poiché sembra quasi portare in un’altra dimensione. Sono molte le donne, ma anche tanti gli uomini, a pensare che raggiungere l’orgasmo sia quasi come raggiungere un traguardo.

Ma è davvero così? Ma come riusciamo a raggiungerlo? E perché non tutti riescono a provare tale piacere sessuale?

In questo articolo cercheremo di rispondere a tali  interrogativi, poiché questo argomento presenta degli aspetti che possono e devono essere chiariti.

Prima di affrontare specificatamente il problema dell’incapacità di provare tale piacere sessuale (anorgasmia), è doveroso quanto meno cercare di capire quali siano le fasi di risposta sessuale, in una condizione di normale funzionalità, sia nell’uomo che nella donna.

L’orgasmo

Fasi di risposta sessuale femminile e maschile

Secondo uno studio storico (Master e Johnson, 1966) tali fasi risultano essere quattro e presuppongono:

  1. Eccitazione: questa è la fase in cui ci si sente attratti da un’altra persona. Poiché è caratterizzata dalla presenza del desiderio, può derivare da stimoli sessuali fisici o psicologici, cioè rappresentati da idee o ricordi di incontri sessuali passati (fai un approfondimento su quelli che possono essere i disturbi legati al desiderio sessuale).
    Nel corpo della donna e dell’uomo, in queste fasi, si verificano dei cambiamenti fisiologici che li permettono di appagare lo stimolo sessuale: la vagina nella donna e i corpi cavernosi del pene nell’uomo, vengono irrorate da un consistente afflusso di sangue.
  2. Plateau: nella fase successiva la stimolazione, vediamo come il livello di eccitazione aumenta e insieme a questo anche il respiro, la pressione sanguigna e il battito cardiaco. Anche in questa fase si verificano dei cambiamenti fisici nel corpo della donna e dell’uomo, affinché siano pronti per il rapporto. Nella donna, il seno, la vagina, le piccole e grandi labbra aumentano di volume, come anche l’utero e il clitoride si elevano e le ghiandole di Bartolini rilasciano piccole quantità di fluido nella regione dell’apertura vaginale.
  3. Orgasmo: in questa fase è liberata tutta la tensione sessuale accumulatasi precedentemente: questo risulta essere il momento di massimo piacere sessuale. In questa fase la pressione sanguigna, il battito cardiaco e la velocità respiratoria raggiungono il loro apice: nella donna l’utero si contrae, così come anche  la vagina e lo sfintere anale, gli addominali ed i glutei. Nell’uomo invece l’orgasmo sembra essere caratterizzato da una serie di contrazioni involontarie e ritmiche dei dotti genitali e del pene stesso che fanno scattare il riflesso che porta ad eiaculare.
  4. Risoluzione: questa è la fase successiva all’orgasmo: fase in cui il corpo della donna ritorna a uno stato di rilassamento e le funzioni organiche ad uno stato di normalità. Se la donna quindi risulta disponibile fin da subito nell’uomo ciò è possibile dopo avere superato un periodo di latenza che permetta che creazione del liquido seminale.

Con l’individuazione di suddette fasi, lo studio ha voluto mettere in risalto i cambiamenti fisici che avvengono, solitamente, nel corpo della donna e dell’uomo.

Si badi bene però, che l’orgasmo femminile (come anche quello maschile), descritto da tali autori, non include l’eiaculazione femminile, poiché questa è il risultato della risposta orgasmica e consiste nell’espellere una quantità considerevole di fluido, durante la stimolazione sessuale, del clitoride. In particolare del punto G, durante o in prossimità dell’orgasmo, come è stato dimostrato nel 2008 da alcune ricerche effettuate dal professor Jannini e dal suo gruppo di ricerca, con le quali si è potuto evidenziare come le ghiandole presenti sul punto G, se stimolate, possono attivare l’orgasmo.

Cerchiamo ora di far luce  proprio su quest’ultimo, poiché per molti risulta essere il punto di massimo piacere nell’esperienza sessuale.

Ma è solo questo?

Orgasmo: solo un obiettivo finale?

orgasmo

Donna che sta per avere un orgasmo

A tal proposito, prima di addentrarmi nell’argomento, ritengo importante citare Rosemary Basson, una ginecologa che sembra essere in disaccordo sul fatto che raggiungere l’orgasmo sia il punto di massimo piacere nell’esperienza sessuale femminile. Per la Basson, infatti, una persona può sentirsi soddisfatta in una qualunque delle fasi di risposta sessuale. Secondo tale visione l’orgasmo non è quindi l’obiettivo finale del rapporto sessuale femminile, ma solo una fase.

A prova di ciò, riporto i dati di un’indagine condotta su oltre 1200 donne italiane tra i 18 e 50 anni (Bernorio, 2016), da cui si evince il profilo della donna italiana: una donna interessata al piacere fisico e consapevole della propria sessualità. Una donna finalmente libera di esprimersi sessualmente, ma non solo. Da questo stesso campione si evince come la donna che accusa un elevato disagio a causa della mancanza di orgasmo, abbia sicuramente una vita sessuale poco soddisfacente, ma la sua vita di coppia, in generale, non sembra risentirne.

Questi dati confermano come quindi la maggior parte delle donne diano più rilevanza alla qualità dell’intimità di coppia, più che alla mancanza di orgasmo, proprio perché sono più consapevoli della loro identità femminile e questa consapevolezza permette loro di dare priorità alla sfera relazionale.

Ma torniamo agli interrogativi che ci stavamo ponendo poc’anzi. Quali aree del cervello interessano l’orgasmo? Vi sono delle differenze tra l’orgasmo femminile e quello maschile? Perché fa così bene alla nostra salute?

L’orgasmo maschile e femminile: durata e aree interessate

Per rispondere a tali interrogativi, occorre fare riferimento ad alcuni studi che si sono occupati di far luce sui misteri dell’orgasmo, in particolare a Barry Komisaruk, un neuroscienziato della Rutgers University (Stati Uniti), nonché uno dei più grandi studiosi dell’argomento. Attraverso una risonanza magnetica funzionale, tale scienziato ha potuto rilevare come, quando si raggiunge l’apice del piacere sessuale, sia nella donna che nell’uomo, si attivino 30 aree diverse del cervello, tra cui anche il sistema limbico, (preposto all’elaborazione della memoria e delle emozioni),  l’ipotalamo, (responsabile del controllo involontario del corpo) e la corteccia pre-frontale (legata al giudizio e alla capacità di risolvere i problemi).

Lettura di approfondimento:  "Sesso veloce" e fallimento della performance

Insomma l’orgasmo, sia per l’uomo, che per la donna, è un momento di puro piacere sessuale, poiché il risultato di diverse aree.

Eppure sembrerebbero esserci delle differenze nella durata.

L’orgasmo femminile infatti sembra durare all’incirca 20 secondi in più rispetto a quello maschile, che dura 10 secondi.

Da alcuni risultati emersi dagli studi svolti da un gruppo di ricercatori dell’Università di Groningen, nei Paesi Bassi, il cui autore era il neuroscienziato Gert Holstege, attraverso la tomografia a emissione di positroni si è visto che quando una donna riesce a raggiungere l’orgasmo, la maggior parte delle aree del suo cervello si spengono, tra cui quelle responsabili dell’autocontrollo sui desideri primari, quelle deputate al ragionamento morale, al giudizio sociale e l’area dell’amigdala. Secondo questi dati, proprio nel momento in cui si raggiunge il piacere, risulta esserci una notevole riduzione nell’attività dell’amigdala, l’area preposta alla vigilanza, ma soprattutto quella responsabile della nostra percezione della paura.

Questi risultati, però, non possono che essere in contraddizione con quanto detto poco fa e ciò può essere giustificato con il fatto che sono stati utilizzati approcci diversi. Secondo gli scienziati, però risultano essere più credibili i risultati ottenuti con la risonanza magnetica, poiché più affidabile.

Ma è vero che raggiungere l’orgasmo fa bene alla salute?

L’orgasmo: una palestra per la mente

Numerosi studi scientifici hanno dimostrato che l’attività sessuale non solo può arrivare a migliorare la salute del cuore e delle arterie, ma può avere degli effetti importanti anche sul cervello.

Sempre dal recente studio della Rutger University, si è evinto che l’orgasmo riesce ad attivare numerose aree cerebrali, superando gli effetti che si possono riscontrare con alcuni giochi mentali, come per esempio il cruciverba.

Con altre ricerche si sono evidenziati altri effetti positivi dell’orgasmo, appena si è svegli, tra cui :

  • un abbassamento dei livelli di cortisolo
  • la produzione di ossitocina
  • un abbassamento dello stress
  • una sensazione di benessere
  • funzione di antidolorifico, poiché sembra riuscire ad alterare la percezione del dolore, forse perché il piacere sessuale riesce a stimolare le aree cerebrali legate al dolore.

L’anorgasmia, ovvero la mancanza di orgasmo

anorgasmia

Donna che non riesce ad avere un orgasmo

Spesso può capitare però che il raggiungimento di tale piacere sessuale non si verifichi affatto, e quindi vi sia una mancanza di orgasmo, non solo per un’assenza di dialogo nella coppia, ma anche per la presenza di un problema che rientra nella categoria dei disturbi dell’orgasmo.

Stiamo parlando della cosiddetta anorgasmia, che sembra presupporre l’incapacità di raggiungere il piacere, nonostante un adeguato stimolo.

Cerchiamo di capire meglio cosa comporti questo disturbo, poiché intorno a tale problema sembrano ruotare diversi aspetti e cause.

Cos’è l’anorgasmia

Come abbiamo visto poc’anzi l’esperienza orgasmica prevede diversi cambiamenti nel corpo della donna e dell’uomo.

Quando si verifica una mancanza di orgasmo, l’anorgasmia maschile e/o femminile, così come il vaginismo e la dispareunia, viene inserita nella categoria dei “disturbi che fanno male all’amore“.

Secondo il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, quinta edizione (DSM – 5) l’anorgasmia sia maschile che femminile risulta essere “caratterizzata da un marcato ritardo nel raggiungimento dell’orgasmo, o da una marcata rarità o assenza dell’orgasmo e/o una marcata riduzione dell’intensità delle sensazioni orgasmiche, in tutti o quasi tutti i rapporti sessuali”.

È bene sottolineare come la mancanza di orgasmo non è sinonimo di impotenza, poiché tale condizione si riferisce solo al momento del (mancato) orgasmo. Possiamo essere in presenza di “anorgasmia masturbatoria” nel caso in cui difficilmente si riesca a raggiungere l’orgasmo, attraverso una masturbazione, e di un’anorgasmia coitale, quando il piacere risulta irraggiungibile anche attraverso l’atto sessuale tradizionale.

Nel caso in cui si riesca a raggiungere l’orgasmo solo attraverso la masturbazione, risulta poco corretto parlare di anorgasmia, in quanto non vi è una mancanza di orgasmo.

Classificazione dell’anorgasmia maschile e femminile

Questo disturbo, può essere classificato, sulla base di alcuni parametri in:

  • anorgasmia primaria. La persona non ha mai raggiunto l’orgasmo, per via delle sue inibizioni sessuali o di paure infondate, che gli impediscono di lasciarsi andare;
  • anorgasmia secondaria. La persona, uomo o donna che sia, perde la capacità di raggiungere l’orgasmo, per via di debolezze di natura sessuale manifestate precedentemente, nonostante in passato sia riuscita a raggiungerlo,  sulla base del tempo d’insorgenza;
  • anorgasmia generalizzata. Non dipende dalla situazione specifica, ma si presenta sempre.
  • anorgasmia situazionale. Dipende dalla situazione, dal partner e dall’ambiente, oppure dalle caratteristiche della persona.

Possiamo inoltre avere un anorgasmia coitale pura, qualora il raggiungimento del piacere è percepito solo successivamente ad una stimolazione manuale od orale e un’anorgasmia acquisita da urge incontinence, quando il soggetto è incapace di provare un certo godimento, a causa di una paura di perdere il controllo durante l’orgasmo.

Dati sulla mancanza di orgasmo

Da un punto di vista statistico, cosa sappiamo dell’incidenza di tale fenomeno?

L’anorgasmia sembra affliggere sia uomini che donne, sebbene sia maggiormente diffusa nelle donne. Circa il 12% delle donne non ha mai provato un orgasmo, sebbene abbia una regolare vita sessuale e il 34% sembra non percepire la scossa di piacere sessuale durante la penetrazione.

Con questi dati, non dobbiamo certo stupirci, se il 47% delle donne finge un orgasmo.

La mancanza di orgasmo è quindi un problema diffuso nel mondo femminile, e un’ulteriore conferma arriva da alcuni studi condotti da Laumann e collaboratori (1999) su donne statunitensi, che hanno messo in evidenza come il 15-20% delle donne sessualmente attive viva una difficoltà orgasmica.

Lettura di approfondimento:  Fantasie sessuali maschili e femminili: caratteristiche e differenze

Volendo approfondire tale analisi, si è riscontrato come specificatamente il 10% dei soggetti è incapace di raggiungere un orgasmo, in modo assoluto, mentre il 50% ha ammesso di avere una difficoltà rispetto ad un orgasmo clitorideo.

Ma qual è il sintomo principale di tale disturbo?

Diagnosi e sintomi dell’anorgasmia femminile e maschile

Il sintomo principale, ovviamente, è l’incapacità di raggiungere l’orgasmo durante una stimolazione o un rapporto sessuale (anorgasmia coitale).

Specificatamente, l’anorgasmia maschile e femminile è caratterizzata da difficoltà della donna nel raggiungere l’orgasmo e/o da una marcata riduzione dell’intensità delle sensazioni orgasmiche, a seguito di una normale fase di eccitamento. Affinché sia ritenuta tale, deve manifestare i suoi sintomi per almeno 6 mesi e in quasi tutte le occasioni di attività sessuale (75-100%).

Affinché si possa capire di che anorgasmia si tratti, il medico può fare delle domande per indagare la sessualità del soggetto, chiedendo innanzitutto da quanto tempo avverte tale disturbo.

Nel caso in cui si evince che il disturbo è sopraggiunto successivamente a una vita sessuale soddisfacente, il dottore, dopo che avrà cercato di capire se tale difficoltà si presenta solo al livello di penetrazione o anche con la stimolazione clitoridea, andrà alla ricerca di  eventuali cause scatenanti.

Cause della mancanza di orgasmo

L’origine dell’anorgasmia maschile e femminile risulta essere, in quanto fenomeno complesso, non molto chiara, per questo sono diversi gli autori che se occupano.

Tuttavia, sono stati individuati alcuni fattori scatenanti che incidono sulla manifestazione dell’anorgasmia primaria e secondaria. Nel primo caso l’anorgasmia sembra essere causata dalla presenza di inibizioni sessuali o paure infondate. Anche  un’immaturità psicosessuale, specie in soggetti giovani, può essere un’ulteriore causa.

L’anorgasmia secondaria sembra invece avere alla base oltre che delle cause di natura psicogena,  come stress e ansia, dispiacere, preoccupazioni, comportamento del partner, anche altre cause, come l’insorgenza di sintomi dolorosi durante il rapporto sessuale, disturbi endocrini, eiaculazione precoce o tardiva (nei soggetti di sesso maschile), traumi fisici a livello genitale, dispareunia, vaginismo, assunzione di determinati farmaci,  come gli antidepressivi (si badi bene che  le disfunzioni sessuali provocate da farmaci antidepressivi possono potersi protrarre per un periodo relativamente lungo, anche successivamente all’interruzione della cura farmacologica),  o l’abuso di droghe che possono avere effetti inibitori sull’orgasmo.

Tra le altre cause dell’anorgasmia maschile e femminile possiamo trovare altri fattori psicologici o legati al temperamento e  ambientali.

Fattori psicologici

  • ansia da prestazione”: quell’aspettativa di raggiungere l’orgasmo che può far nascere una tensione tale da precludere la possibilità di vivere in maniera rilassata l’esperienza sessuale (colpisce più gli uomini, ma ormai sono molte anche le donne che si concentrano più sulla performance che sul lasciarsi andare);
  • un forte bisogno di autocontrollo. A tal proposito, le teorie psicologiche (Master e Johnson, 1970; Kaplan, 1974) asseriscono come l’orgasmo possa essere negativamente  influenzato da limitazioni nel lasciarsi andare, da un super controllo e da un’eccessiva ansia, non solo da prestazione, ma anche da un’ansia che può derivare da altri fattori qui individuati, tra cui :
  • la presenza di traumi psicologico-sessuali e violenze;
  • l’assenza di un appoggio familiare;
  • cattivo rapporto con la sessualità e in particolare con il piacere;
  • un’attenzione esclusiva al piacere sessuale del partner o al proprio che portano la persona a sganciarsi dal rapporto sessuale;
  • preoccupazioni per una gravidanza indesiderata;
  • scarsa autostima e scarsa considerazione del proprio corpo: quando ci si sente inadeguati,  è facile non lasciarsi andare, poiché non ci si piace.

Fattori ambientali e relazionali

  • l’ignoranza o le restrizioni culturali e religiose;
  • l’inesperienza, associate a disturbi sessuali del partner maschile;
  • un’educazione repressiva nei confronti del sesso;
  • la morale molto rigida;
  • conflitti di coppia;
  • l’insoddisfazione coniugale;
  • scarsa comunicazione tra i due partner sui desideri sessuali;
  • inadeguata stimolazione da parte del partner.

Anche casi di pregressi aborto spontaneo o interruzione volontaria di gravidanza possono ostacolare il raggiungimento dell’orgasmo femminile.

Fattori fisici e organici

Secondo la letteratura scientifica vi può essere anche un significativo contributo genetico all’insorgenza di tale disturbo. Le donne con atrofia vulvo-vaginale, caratterizzata da secchezza della mucosa vaginale, prurito e dolore, hanno infatti una maggior probabilità di generare una mancanza di orgasmo.

Da un punto di vista organico, a proposito dell’anorgasmia femminile, Kramer e Kline-Graber, basandosi su uno studio che ha valutato l’orgasmo femminile in 281 donne, asseriscono la possibilità che questa problematica possa essere causata da una scarsa tonicità dei muscoli che invece dovrebbero produrre le contrazioni nella fase dell’orgasmo.

Tra le altre cause fisiche o organiche possiamo avere inoltre alcune disfunzioni del pavimento pelvico, muscolari o alcune patologie agli organi genitali.

Ma come è possibile riuscire a superare tale problema?

Innanzitutto è importante che riusciate a capire se il problema ha cause psicologiche o non.

Rimedi per anorgasmia maschile e femminile con origini psicologiche

rimedi anorgasmiaSe il problema riguarda voi, la vostra visione delle cose e il vostro rapporto di coppia, provate a fare tesoro di questi piccoli consigli che prevedono:

  • il prendere confidenza col vostro corpo;
  • il concentrarsi sul piacere durante un rapporto sessuale;
  • parlare con il vostro partner.

Imparare a conoscere il proprio corpo per un appagamento totale

Nei rapporti di coppia è importante riuscire ad appagare il partner, ma senza dimenticarci di noi, poiché l’atto sessuale potrebbe trasformarsi in un appagamento riduttivo.

Risulta essere importante, a tal fine, scoprire il piacere sessuale, attraverso una conoscenza approfondita individuale del nostro corpo, magari esplorandolo attraverso la masturbazione, poiché questo ci può aiutare a capire cosa ci piace di più, dal punto di vista sessuale, al fine di trarre piacere dal rapporto con il nostro partner.

Per fare questo quindi occorre abbattere eventuali inibizioni o restrizioni mentali riguarda al sesso.

Lettura di approfondimento:  "Sesso veloce" e fallimento della performance

Cambiare modo di vedere il sesso è essenziale per imparare a conoscere il nostro corpo, ma soprattutto per soddisfare sia il nostro partner che noi stessi.

Concentrarsi sul piacere

In tal senso è importante essere rilassati durante il rapporto sessuale con il nostro partner: il nostro cervello deve solo concentrarsi sul piacere che sta ricevendo e non su quello che potrebbe accadere.

Come riuscirci? Provate a masturbarvi davanti al partner. In questo modo scoprirete che non avete alcun motivo per nascondere il vostro piacere, anzi! Ciò basterà infatti ad accendere il desiderio sessuale dell’altro!

Ricordate che solo il piacere sessuale dell’uno può incrementare quello dell’altro!

Condividere con il partner le paure e ciò che ci piace di più

Affinché il sesso possa beneficiarne è importante evitare di trascurare la vita di coppia, anche da un punto di vista relazionale. Per questo è importante parlare sempre con il partner, di qualsiasi problema che ci affligge.

Il dialogo è essenziale! Per questo dovete sempre  trovare il modo di parlare di un ipotetico blocco. Anche saper chiedere di essere toccati in un certo modo, potrebbe aiutarvi ad avere dei rapporti sessuali più soddisfacenti.

Cercate di capire cosa vi eccita maggiormente e comunicatelo al vostro partner.

Parlare aiuta sempre a sperimentare nuovi modi di toccarsi

Rimedi se la mancanza di orgasmo ha un’origine fisica

Se invece sembrano esserci delle origini organiche o fisiche, escludendo la presenza di una patologia seria, potete ricorrere a tali soluzioni:

  • fare riferimento a quei prodotti presenti in commercio per stimolare la libido o per  favorire l’afflusso di sangue agli organi genitali (Lovegra, Viagra, Cialis, Kamagra 100 Oral Jelly);
  • evitare l’uso di alcol o sostanze psicotrope;
  • se state assumendo psicofarmaci, rivolgersi al medico;
  • beneficiare di alcune tecniche di rilassamento come yoga, mindfulness;
  • praticare l’aromaterapia che prevede l’uso di Oli essenziali al fine di stimolare l’appetito sessuale: possono essere diffusi nell’aria o diluiti in olio vegetale per un massaggio.

Trattamenti per la mancanza di orgasmo

Se il disturbo risulta essere di grave entità, tale non poter essere gestito con le proprie risorse, è consigliabile rivolgersi ad un professionista esperto in sessuologia.

Nel caso di un’origine psicologica del disturbo, ovvero se il problema riguarda voi o la coppia, è importante rivolgersi ad uno psicologo sessuologo, affinché vi possa aiutare aiutare a capire i vostri bisogni sessuali e quelli del partner, per riuscire a cambiare il modo di vedere il rapporto sessuale e non.

A questo fine risultano essere efficaci:

  • Interventi di Terapia Breve;
  • Percorsi di terapia sessuale;
  • Terapia di coppia, che può aiutarvi a risolvere eventuali conflitti interni alla coppia;
  • Percorsi di psico-educazione utili per migliorare la consapevolezza del proprio corpo, riconoscere i fattori correlati fisiologici al rapporto sessuale e vivere la sessualità pienamente;
  • Training per la riduzione dell’ansia e tecniche di rilassamento per ridurre lo stress;
  • Tecniche di sensibilizzazione focalizzata, dove la donna, prima sola e poi insieme al partner, impara a toccarsi al fine di raggiungere l’orgasmo.

Se invece risultano esserci origini organiche o fisiche al disturbo, è importante rivolgersi ad un ginecologo o un androlgo.

A tal proposito è possibile ricorrere a terapie ormonali o a cure che possano trattare patologie correlate a tale disturbo.   

Per alcune donne in menopausa potrebbe essere utile una terapia a base di estrogeni (pillole, gel) che può avere un effetto positivo sulle funzioni del cervello che riguardano la sfera sessuale. Una terapia localizzata a base di estrogeni, sotto forma di crema potrebbe aumentare invece l’afflusso di sangue alla vagina e facilitare il raggiungimento del piacere.

Da quanto appena detto,  si evince come non sia facile approcciarsi ad una donna che presenta tale problematica: per questo occorre avere tanta delicatezza e sensibilità per riuscire ad aiutarla davvero.

Riferimenti bibliografici

Valuta questo articolo

Dott. Davide Algeri

Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo e Coach at Psicologia Pratica: La psicologia del cambiamento concreto
Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo
Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Richiedi un primo appuntamento

Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR.


Dott. Davide Algeri
Dott. Davide Algeri
Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.
Prenota ora